Gnatologia (RNO: Riabilitazione Neuro-Occlusale di PLANAS)

Gnatologia Modena

Un dolore cefalico così come quello che percepito vicino all’orecchio sono sintomi piuttosto comuni, riconducibili a una pluralità di patologie, fra cui una disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare. In momenti di intenso stress, tendiamo a essere iperattivi e assumiamo comportamenti dannosi per la nostra salute orale e non: dal digrignamento dei denti alla funzione masticatoria svolta solo da una parte, dal mal di collo alle cefalee, andiamo a incidere negativamente sui vari apparati (ad esempio, la respirazione) o sui comportamenti (come la deambulazione). Proprio dalla bocca hanno origine asimmetrie corporee che vanno ad aggravare le problematiche a carico dell’apparato muscolo-scheletrico: situazioni che non vanno assolutamente sottovalutate se vogliamo preservare un livello di salute ottimale (Problemi ATM).

Il nostro corpo, infatti, agisce in una stretta correlazione fra i vari organi e sistemi e non, come in passato si sosteneva, in compartimenti stagni. Per questo la dott.ssa Monica Martelli, medico odontoiatra e specialista in gnatologia a Modena, adotta un approccio gnatologico multidisciplinare ed esegue riabilitazioni della bocca secondo le tecniche della riabilitazione neuro-occlusale di Planas (RNO).

Avvalendosi, se del caso, di specialisti esterni allo studio, come fisiatri o pediatri, questa terapia permette in maniera assolutamente non invasiva e senza l’ausilio di lastre di migliorare la stabilità in simmetria di bocca e cranio, di stabilizzare l’assetto della testa, di migliorare la funzione masticatoria e l’occlusione della bocca. Intervenire e curare queste disfunzioni è quanto mai indispensabile per ridurre l’impatto negativo che hanno sulla nostra salute e sul nostro benessere (mentale e fisico): a seguito della terapia si potrà riportare il nostro corpo alla corretta funzionalità e a un miglioramento sensibile della qualità di vita.
Un piccolo percorso di cui vedremo a colpo d’occhi i risultati, guadagnando così anni in salute e benessere, proprio come sostiene lo studio della Dott.ssa Monica Martelli.

Lo studio dentistico martelli Monica  ha un L’approccio gnatologico multidisciplinare che nelle forme più severe richiede il reclutamento di più specialisti talvolta operanti all’esterno dello studio che gestiscono la riabilitazione ortodontista, gnatologo, chirurgo,otorinolaringoiatra,fisiatra, pediatra.La dott.ssa Monica Martelli medico chirurgo specialista in odontostomatologia riabilita la bocca secondo le leggi della Riabilitazione Neuro-Occlusale Di PLANAS (RNO) sia a livello ortodontico che protesico.

La RNO terapia migliora la stabilità in simmetria della bocca e del cranio, stabilizza l’assetto della testa, migliora i contatti occlusali, la funzione masticatoria, la morfologia occlusale e si lavora sulla funzione masticatoria.

La dott.ssa Monica Martelli usa una metodica non invasiva e senza lastre , la Metodica RNO: di trasferimento tridimensionale dei piani cranici e di lavoro della bocca (piano visivo, piano di camper, piano occlusale), l’arco facciale dentatus Planas e la gessatura dei modelli delle arcate su articolatore dentatus Planas, e trasferisce e controlla nel tempo le misure antropometriche craniche tramite arco gnatostatico e gessatura dei modelli su gnatostato con fecha gnatostica di controllo rispetto all’asse di simmetria e verifica tramite l’analisi di forma secondo Khorkahus la forma delle arcate: obiettivo è avere le arcate quadrate.

La dott.ssa Monica Martelli utilizza tecnologie innovative associate di controllo.  Esse devono confermare la simmetrizzazione degli angoli masticatori funzionali di Planas.

Obiettivo terapeutico e di monitoraggio : è la maturazione neurologica dello schema masticatorio sia negli adulti che nei bambini per dare stabilità neurologica IN SIMMETRIA all’assetto della testa.

La bocca è un campanello di allarme per intercettare tali problemi precocemente. Quando siamo stressati entriamo in Iperattività, dobbiamo stringere i denti per andare avanti e si bruxa. Peggiorando lo stress iniziamo a masticare solo da un lato, entriamo nello stato di sovraccarico o resistenza. Compaiono disfunzioni di vario genere: ipertrofie muscolari monolaterali, dolori, perdita della convergenza visiva, cefalee, mal di collo, disturbi della concentrazione, disturbi parodontali dalla parte opposta al lato di masticazione, disturbi della deglutizione che possono ripercuotersi anche sull’assetto del bacino e sulla deambulazione e sulla respirazione. La vita si storce.

Non siamo ancora ammalati, ma in termini automobilistici la macchina perde la convergenza , con un’usura diversa delle strutture se perdura nella disfunzione.

Più si fissa questo schema motorio, più il corpo si adatta, storcendosi.

Dalla parte della masticazione tutto si verticalizza i denti, le orbite, la mandibola. Dalla parte dove non si mastica tutto si allunga, e si contrae: i denti bloccano i movimenti mandibolari e vanno incontro a danni paradontali gravi, l’orbita si abbassa, compare scoliosi del setto nasale, si bloccano le rotazioni del capo, si perde la convergenza oculare,compare un torcicollo visivo.

Ci si inclina o si ruota e compare dolore .Tutto ciò spiega come il malfunzionamento della bocca crea asimmetrie corporee aggravando disturbi muscolo-scheletrici stress correlati.

Vedi: Ottimizzazione neuro-psico fisica